Mario Ardizzon

Ardizzon.jpgInizia a Venezia, la squadra nella quale si è formato e nella quale fa il suo esordio in prima squadra giovanissimo. A poco a poco riesce a conquistare tutti e dimostra di essere un difensore estremamente affidabile. La sua crescita tecnica è palpabile e anche quando è chiamato a confrontarsi coi fuoriclasse della massima serie dimostra grande personalità. Dopo sei stagioni in laguna, le ultime due in Serie A, è ormai arrivato il momento del salto di qualità. Lo chiama la Roma, che però sta entrando in una fase di grande difficoltà economica a causa delle follie di Marini Dettina. La qualità della rosa giallorossa è molto alta, ma lui tiene il passo nei tre anni passati all’ombra del Colosseo, sbaglia pochissime gare. Bravo in fase difensiva, ove la sua tenacia riesce spesso a ridurre l’avversario ai minimi termini, non disdegna nel poggiare l’azione del proprio centrocampo con una proprietà di palleggio rara in un difensore e riesce a disbrigare il suo ruolo con grande freddezza. Non è il giocatore capace di sollevare entusiasmi, ma regala grande sicurezza ai compagni di squadra, che sanno di potersi fidare di lui. L’ottimo rendimento palesato nelle tre stagioni giallorosse, lo porta all’attenzione del settore tecnico delle squadre nazionali, anche se il suo ruolino azzurro si limita ad una partita giocata con la nazionale B. Quando il suo inserimento a Roma è ormai riuscito e potrebbe ancora dare molto alla causa giallorossa, anche lui è vittima della incredibile campagna architettata da Evangelisti nell’estate del 1966 ed è costretto a trasferirsi al Bologna, di cui diventa in breve una colonna difensiva. Sotto le torri, in una squadra che ancora può godere della classe di Bulgarelli e Pascetti, continua a sciorinare grandi partite difensive, confermando la sua statura. In rossoblu gioca cinque stagioni con un rendimento medio sempre molto alto, per poi tornare alle origini, andando a chiudere una carriera di rilievo in quel Venezia che lo aveva visto crescere.

Mario Ardizzonultima modifica: 2012-04-20T09:56:27+00:00da monthy10
Reposta per primo quest’articolo